Thomas Vinterberg sulla recitazione ubriaco, Mads Mikkelsen e il suo Another Round, candidato all'Oscar

Un mese fa, l'Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche ha annunciato le nomination per gli Oscar posticipati dell'era pandemica di quest'anno. Se c'è stata una vera sorpresa nella lista letta da Priyanka Chopra Jonas e Nick Jonas, è stata nella gara storicamente competitiva per il miglior regista. Lì, tra i nomi attesi come David Fincher e Chloé Zhao, vincitrice del premio Directors Guild Of America, c'era qualcuno più inaspettato: il veterano regista danese Thomas Vinterberg, che si unisce alla lista relativamente piccola ( ma per fortuna in crescita !) Di registi per ottenere una nomination. in questa categoria per la regia di un film in lingua straniera. Quasi nessuno dei blogger degli Oscar e dei pronostici della stagione dei premi lo ha visto arrivare.

Forse avrebbero dovuto. Dopotutto, Vinterberg è nominato per uno dei film più acclamati dello scorso anno in qualsiasi lingua: Another Round , il suo dramma giocoso ma sincero su un gruppo di insegnanti di mezza età che si tirano fuori da una routine intraprendendo un esperimento sociale radicale, vale a dire , un piano per rimanere leggermente ubriachi tutto il giorno ogni giorno, riscoprendo la loro sete di vita attraverso un perpetuo ronzio. Il film, che riunisce Vinterberg con Mads Mikkelsen (protagonista del suo precedentemente nominato The Hunt ), è anche in competizione per il miglior lungometraggio internazionale, un premio che sembra probabile vincere. Il cenno del capo del miglior regista è la prova, se non altro, che questo artista eclettico ha realizzato una delle sue opere più universalmente risonanti: un film le cui intuizioni sulle gioie, le frustrazioni e i lubrificanti sociali primari della vita moderna trascendono ogni barriera linguistica.

Se la nomination è una sorpresa, forse ha più a che fare con lo strano e tortuoso percorso della carriera del cineasta - e con la frequenza con cui è rotto dalle tendenze del cinema globale, forse soprattutto di Hollywood. Insieme al connazionale e collaboratore di una volta Lars von Trier, Vinterberg è stato coautore di Dogme 95, un manifesto artistico che offriva un elenco di "comandamenti" - nessuna musica non diegetica, nessun elemento di trama "superficiale" - progettato per ristabilire l'attenzione del mezzo sull'autenticità e la realtà. (Il film Dogme del regista, The Celebration , ha lanciato il movimento, facendosi anche un nome sulla scena internazionale.) Da allora, Vinterberg ha seguito la sua musa in tutta la mappa stilistica, realizzando di tutto dalla fantascienza all'allegoria didattica all'adattamento letterario di prestigio. Ma nel complesso, il suo lavoro ha mantenuto un forte interesse per la ricerca della verità.

La scorsa settimana Vinterberg, che compirà 52 anni il mese prossimo, ha fatto una telefonata a Zoom con l'AV Club per discutere di Another Round (che è attualmente in streaming su Hulu), della giovinezza, dell'invecchiamento, dei benefici e delle insidie ​​dell'alcol, la chiave per comportarsi da ubriaco senza essere. ubriaco, il genio di Mads Mikkelsen e le sue radici Dogme. Per rispetto della sua privacy, non affrontiamo l' argomento della tragedia che ha colpito la sua famiglia appena prima dell'inizio delle riprese, una perdita sconvolgente a cui allude solo una volta durante la nostra conversazione. In tutto il mondo, Vinterberg è appassionato ma di buon umore e, per citare uno degli istruttori infatuati attorno ai quali ruota il suo concorrente all'Oscar, "entusiasta e rilassato allo stesso tempo". Un giusto avvertimento: tocchiamo anche la fine di Another Round .

The AV Club: Prima di tutto, congratulazioni per le nomination all'Oscar.

Thomas Vinterberg: Grazie mille. È stato molto incoraggiante.

AVC: C'è stato un momento nella tua carriera in cui sarebbe stato difficile immaginare che i tuoi film ricevessero nomination all'Oscar, non per la loro qualità o altro, ma solo perché eri in prima linea in un movimento che rifiutava ciò che era Hollywood.

TV: Stai parlando del film Dogme ?

AVC: Sì.

TV: Beh, non stava necessariamente rifiutando quello che era Hollywood. Stava anche rifiutando quello che stavamo facendo. Abbiamo portato via musica, trucco, oggetti di scena. Non sono solo film di Hollywood! Ci stavamo ribellando contro l'intera istituzione del cinema. E la mediocrità del cinema. E anche la mediocrità del nostro cinema. Penso che [ The Celebration ] sia stato mostrato agli elettori degli Oscar. Ma era troppo granuloso! Hai il cinema più grande del mondo a Los Angeles e tutto quello che potevano vedere erano i pixel.

AVC: Ho rivisto The Celebration di recente e sono rimasto colpito da quanto risuoni con la resa dei conti avvenuta nell'industria cinematografica negli ultimi anni. Stiamo guardando un personaggio che ha finalmente deciso di raccontare al mondo gli abusi che ha subito e non starà zitto al riguardo, non importa quanto cercheranno di zittirlo.

TV: Quindi lo stai inserendo nel contesto di #MeToo? Giusto, quindi ecco una persona che è stata messa a tacere da suo padre e oppressa per tutta la vita. Posso vedere quel parallelo, sicuramente. Ovviamente non l'ho visto allora, quando ho realizzato il film, ma ho sempre voluto indicare l'ingiustizia e indicare l'elefante nella stanza, per così dire. In realtà, quando ero ancora all'asilo, sono stato picchiato per questo!

AVC: Oh sì?

TV: Sì, ero su un autobus pubblico con mio padre, che non aveva la patente di guida. E un enorme ubriaco arriva sull'autobus e lancia mia sorella dalla sedia. Penso di avere 4 anni. E gli ho afferrato la spalla e ho detto: "Sei uno stronzo". E si è alzato in piedi e mi ha messo KO! [Ride.]

AVC: Ti ha preso a pugni ? Un bambino?

TV: È arrivata la polizia e lui è stato arrestato. Quindi ho iniziato presto. [Ride.]

AVC: Anche dopo aver lasciato Dogme, confrontarsi con la verità è rimasto un argomento regolare del tuo lavoro.

TV: Giusto, ma quando ero più giovane, era un po 'più conflittuale. Anche se non necessariamente molto più giovane. Anche The Commune , il mio ultimo film danese, è piuttosto conflittuale. Un altro round è più ... rotondo. È meno provocatorio.

AVC: Sotto certi aspetti è uno dei tuoi film più gentili. L'argomento è serio, ma lo affronti con una leggerezza di passo che non vedo in molti altri tuoi lavori.

TV: Immagino tu abbia ragione su questo. Non ho avuto il bisogno di provocare. L'idea all'inizio era che fosse una celebrazione dell'alcol. Ma sentivo l'obbligo di raccontare il più possibile, e anche di raccontare una storia a cui tutti coloro che hanno visto le proprie famiglie distrutte dall'alcol potessero relazionarsi. Quindi volevo catturare il più possibile tutta la verità al riguardo. Ma ovviamente, volevo anche fare un film su qualcosa di più del semplice bere. Lo spirito significa più dell'alcol. Volevamo fare un film sulla vita, invece di limitarci a esistere.

Non lo sapevamo quando abbiamo scritto il film. Quando inizi a scrivere, inizi e proviene da qualche parte. È come quando ti innamori di qualcuno. Non è facile da spiegare. Ma guardando indietro, penso che stessimo reagendo contro le cose nella nostra società. Viviamo in una cultura della performance, dove tutto è misurato. La mia vita è misurata dai numeri al botteghino e da quanti premi vinco. Il tuo articolo verrà conteggiato. Quanti clic hai ricevuto? E quanto tempo rimarranno per clic? E per un giovane, è molto peggio. Ti stanno valutando tutto il tempo. E devi apparire sui social media 40 volte al giorno, e questo verrà valutato. Quindi c'è la sensazione di essere sobri e consapevoli di sé come artisti. Questo film è una battaglia contro questo. È una battaglia per l'incontrollabile, per le cose che non puoi comprare, per le cose per le quali non puoi prepararti. Come innamorarsi, essere ispirati o avere un'idea.

Un altro round

AVC: Il film ha un'ammirevole ambivalenza riguardo al bere. I film tendono ad assumere una posizione estrema sull'alcol o un'altra: o stai partecipando a una festa ininterrotta senza conseguenze o ti viene insegnato sui pericoli del bere. Un altro giro infila l'ago, riconoscendo come può rovinarti la vita ma anche come può essere divertente e illuminante.

TV: Questo è quello che volevamo mostrare. Non volevamo vendere alcolici. Ma anche noi non volevamo essere moralisti. Dovevamo ammettere, come ha detto uno dei miei amici, che dopo un paio di bicchieri di rosé sono più bravo a prendermi cura dei miei figli. [Ride.] Sono un padre migliore! Il che è un po 'preoccupante da dire. Ma sappiamo tutti come può crescere la conversazione dopo i primi due bicchieri. E poi diminuisce di nuovo, perché le persone smettono di ascoltare. Il dottore in psichiatria che ha avuto l'idea del film mi ha chiesto: "Thomas, quante coppie sposate conosci che si sono trovate sobrie?" Non sono così tanti. Quindi serve a molti scopi, questo liquore socialmente accettato. Ma uccide anche molte persone.

AVC: Quando il film è stato presentato in anteprima lo scorso autunno, una citazione rilevante di The Simpsons ha iniziato a fare il giro sui social media, e spero che vada bene confrontare il tuo film con The Simpsons -

TV: No, è geniale, per favore.

AVC: Viene dall'episodio in cui il proibizionismo arriva a Springfield . Si conclude con Homer che brinda: "All'alcol: la causa e la soluzione di tutti i problemi della vita!"

TV: Esatto. Bene, c'è un po 'di più, ma sì. [Ride.] I problemi sembrano diminuire quando bevi. Penso che si tratti dell'oblio di sé. C'era un uomo intelligente, un filosofo, che diceva di non aver mai incontrato una persona felice che non avesse gli occhi puntati su qualcosa o qualcuno diverso da loro. Penso che ci sia una verità in questo. E l'alcol aiuta con esso. Ma l'alcol ha uno scopo in questo film. È il motore del film. Ma non è di questo che parla il film. Si tratta di essere ispirati.

AVC: È quello che intendeva Baudelaire quando ha scritto: "Sii ubriaco". Stava davvero parlando di una sete di vita.

TV: Esatto. O quello che ha detto Humphrey Bogart: "È come se il resto del mondo fosse un paio di drink indietro".

AVC: Bevi?

TV: bevo, ma non bevo abbastanza. Significa che non bevo molto. Sono un padre di famiglia e lavoro molto. Sai, l'alcol arriva in fasi. C'è la fase uno, in cui diventi una versione elevata e fantastica di te stesso. E poi c'è la fase due, quando devi bere per diventare di nuovo te stesso. Hai bisogno del tuo vino bianco a pranzo per evitare di essere scontroso. E poi c'è la terza fase, in cui devi bere per motivi fisici. Consiglio di rimanere nella prima fase. Se sei sulla pista scivolosa della fase due, devi realizzarlo e prenderti una lunga pausa e poi ricominciare da capo. Prendo molte pause. Non bevo molto.

AVC: C'è un programma negli Stati Uniti chiamato DARE, dove vengono nelle scuole e parlano ai bambini dei pericoli della droga. C'è qualcosa del genere in Danimarca?

TV: Sì. Non quello specifico, ma gli agenti di polizia verranno nelle scuole.

AVC: Crescendo, finisci per realizzare che parte di ciò che ti dicono in quei programmi non è vero, che si basano su tattiche spaventose. Guardando Another Round , continuavo a pensare che questo fosse un film che avrebbe davvero avvantaggiato un pubblico più giovane, perché non sono molte esagerazioni. Riconosce tutta la verità sul bere, sui suoi pericoli e sui suoi piaceri.

TV: Esatto! Molti giovani hanno visto il film. Sono soprattutto le donne ad aver visto il film [in Danimarca], ma è diviso per età. È fatto per i giovani. Sono così oppressi da questa cultura della performance, e ora anche dalla pandemia. Vivono in isolamento in un momento della loro vita in cui hanno bisogno di essere là fuori per le strade. Quindi dedico questo film ai giovani, e loro sembrano rispondere davvero.

AVC: Ovviamente il film parla anche di crisi di mezza età e di uomini che sentono di aver perso la scintilla della giovinezza. Quanto riflette i tuoi sentimenti riguardo all'invecchiamento?

TV: Fino a due anni fa, o più precisamente fino al 4 maggio 2019, ho avuto una vita molto felice. Sono sposato con una donna bellissima e fantastica, e lei è nel film, comunque. E avevo una grande famiglia e sto facendo quello che mi piace. Quindi non è autobiografico in questo senso. Ma ovviamente potevo riconoscere la ripetitività della vita e come ci si deve sentire a non essere ispirati. Ho avuto periodi del genere. È riconoscibile per me, ma non è la mia vita.

AVC: Ho letto da qualche parte che sul set non era consentito l'uso di alcolici. Come sei riuscito a ottenere così grandi performance da ubriaco dai tuoi attori? Non ci sono finti ubriachi che recitano in questo film.

TV: È perché sono un genio. [Ride.] No, è perché sono geniali. Ci vogliono quattro attori davvero fantastici per iniziare. E con una buona esperienza di vita con il bere. E un periodo di prove di un'intera settimana dedicata solo a suonare ubriachi. E all'essere ubriachi. Voglio dire, non erano necessariamente ubriachi in quel periodo di prove. Ma avevano un po 'di alcol. Abbiamo filmato il modo in cui guardavano i diversi livelli di alcol. Dovevamo solo inchiodarlo per fare questo film.

AVC: Stavano guardando la riproduzione come atleti, studiando le loro mosse su nastro?

TV: Sì, l'abbiamo fatto! Ne abbiamo fatto molto. Erano insegnanti l'uno per l'altro, in modo che gli altri tre attori fossero gli studenti. E insegnerebbero a diversi livelli di intossicazione. L'inizio è stata una vera e propria intossicazione. E poi avrebbero agito per intossicazione. E dicevano: "Non l'ho comprato. Ma l'ho comprato. " Era uno spazio aperto. Come un laboratorio.

AVC: Deve essere stato molto divertente da guardare.

TV: è divertente da guardare. Ma quando recitazione è brutta, è orribile da guardare. Ovviamente ne ho visti un paio di esempi. È come quando vedi occhi sobri che hanno il controllo completo e qualcuno sta cadendo. È come, "Vattene da qui, cazzo".

AVC: Ho sentito che il trucco è interpretare qualcuno che è ubriaco ma si sforza davvero di fingere che non lo sia.

TV: Sì, è quello che diciamo normalmente. Sotto 1.0, si tratta di nascondersi. Come se tu fossi innamorato di qualcuno e fingessi di non essere innamorato. E se sei ubriaco, i tuoi movimenti diventano molto dritti e rallenti il ​​tuo modo di parlare per evitare difetti, ti abbottoni e ti siedi dritto. Fondamentalmente fai l'opposto [di come ti senti]. E poi, a un certo punto, accetti di lasciar perdere un po '[Vinterberg mima perfettamente masturbarsi in uno stato di ubriachezza in webcam] e la gente poi sa: "Mio dio, è incazzato".

Mads Mikkelsen e Thomas Vinterberg in un altro round

AVC: Questo è il secondo film che hai realizzato con Mads Mikkelsen, dopo The Hunt . A livello internazionale, ha costruito una sorta di nicchia per se stesso interpretando questi cattivi regali. Ma gli fai davvero emergere un calore che molti altri registi non identificano o non utilizzano.

TV: Mads ha tutto. Il mondo non lo vede così spesso come lo vediamo qui in Danimarca. Conosco quella parte del suo vocabolario di cui parli da altri film. Ma sì, abbiamo trovato un percorso insieme, alcuni uomini molto adorabili, sia in The Hunt che qui. È straziante per me quando interpreta quei personaggi. È molto fragile, aperto e tenero.

AVC: Sì, c'è una vera vulnerabilità in entrambe le performance.

TV: È un personaggio che ho scritto per lui. È ispirato da lui e scritto da me. È qualcosa che abbiamo creato insieme di cui sono molto orgoglioso. E Mads è semplicemente super, super preciso, intelligente e umoristico. Quello che gli chiedo di fare più specificamente è che c'è un coro di persone che parlano e fanno battute intorno a lui, e poi c'è una pausa dinamica senza nulla che Mads debba riempire. Sta riempiendo i vuoti silenziosi con i pensieri. È difficile. Quello che sta facendo lì richiede un'enorme precisione. E lui ce l'ha, perché è un attore di livello mondiale.

AVC: Devi convincerlo a entrare nella grande scena del ballo alla fine?

TV: Sì, ho dovuto convincerlo. Ma così facendo, ho cercato di convincere anche me stesso. Segretamente. [Ride.] Perché è stato un po 'complicato avere un'insegnante che diventasse parte di un musical alla fine del film. Avrebbe potuto essere sfacciato. Potrebbe anche essere stato su Mads Mikkelsen. "Guarda come sa ballare." Quindi siamo stati molto attenti a prepararlo per tutto il film, in modo che ci siano persone che vogliono vederlo ballare. E siamo stati molto attenti alla coreografia della scena in modo che ci fosse esitazione e poi ritirata e infine una resa totale. E quindi hai un finale che è una completa perdita di controllo, di cui immagino parli anche il film. Si tratta di lasciare andare il controllo.

AVC: Il finale non è puramente celebrativo.

TV: Certo che no, perché c'è qualcuno che è morto. E anche la gente vede che [il personaggio di Mads] ha ricominciato a bere. Per me, la fine è quella che chiamavo una "bellissima catastrofe". Non sono io che sono brillante. È stato rubato dal film molto vecchio Zorba The Greek , con Anthony Quinn. È un film fantastico. Quindi, ovviamente, il finale è pieno di tristezza. È pieno di tristezza. Sta ballando per il suo amico.

AVC: Non credo che nessuno rimanga bloccato sulla logistica della trama del finale. Ha senso emotivamente .

TV: Sì. È catartico. E a seconda di chi sei, vedi un finale diverso. Sia Tobias Lindholm, il co-sceneggiatore, sia io volevamo tenerlo aperto. Il che può essere molto fastidioso. [Ride.] Vuoi una conclusione. Ma non siamo riusciti a dare una conclusione. Cosa sarebbe? Chi sono io per dire alla gente di bere o non bere? O come vivere le loro vite? Ma posso dire loro come vedo il finale. Alcune persone lo vedono cadere. Ma lo vedo volare. Lo vedo fare un altro giro. Lo vedo fare un altro tentativo con sua moglie. Questa è la mia matematica.

Suggested posts

La fragilità dei bianchi si traduce in 2 ragazzi neri portati via dalla classe nelle loro scuole elementari dell'Oklahoma per aver indossato magliette `` Black Lives Matter ''

La fragilità dei bianchi si traduce in 2 ragazzi neri portati via dalla classe nelle loro scuole elementari dell'Oklahoma per aver indossato magliette `` Black Lives Matter ''

È incredibilmente frustrante vedere i bianchi lanciare una dichiarazione innocua come "Black Lives Matter" come politica. Non è politico; è letteralmente solo un modo più conciso per dire "il colore della nostra pelle non dovrebbe dettare il modo in cui siamo trattati.

Move Over Tall Lady, Donna Beneviento è la vera star di Resident Evil Village

Move Over Tall Lady, Donna Beneviento è la vera star di Resident Evil Village

Donna Beneviento e Angie sono una coppia assassina. Resident Evil Village è stato lanciato venerdì scorso, dando alla gente un sacco di tempo per giocarci (e probabilmente batterlo) durante il fine settimana.

Related posts

Oprah e il principe Harry collaborano per un documentario sulla salute mentale in più parti per Apple TV +

Oprah e il principe Harry collaborano per un documentario sulla salute mentale in più parti per Apple TV +

Oprah Winfrey, a sinistra; Principe Harry Come forse saprai o meno, il mese di maggio è riconosciuto a livello nazionale come mese della consapevolezza della salute mentale.Dal 1949, varie organizzazioni, piattaforme e persone in tutto il paese hanno fatto la loro parte ogni anno per diffondere risorse e informazioni da promuovere migliore assistenza per la salute mentale - e quest'anno non fa eccezione.

Mare of Easttown esplora le profondità e i fallimenti dell'amore di una madre

Mare of Easttown esplora le profondità e i fallimenti dell'amore di una madre

L'ultimo processo criminale di prestigio della HBO, Mare of Easttown, gratta il prurito per un dramma crudo e ben prodotto, riempiendo ordinatamente il buco lasciato da altre offerte come True Detective ma con un ritocco tanto necessario. Invece di essere costretti ancora una volta a scandagliare le profondità del lavoro di polizia come procuratore della mascolinità, gli spettatori sono costretti a fare i conti con una detective donna che lotta contro i suoi demoni personali per risolvere il crimine.

La ricomparsa di Bennifer è un presagio di tempi migliori a venire

La ricomparsa di Bennifer è un presagio di tempi migliori a venire

La nostalgia è una trappola della mente; è facile credere che le cose andassero meglio di come sono nel presente o di quanto non siano mai state o mai saranno. Ma a volte, il passato era davvero migliore e un ritorno è solo un aggiornamento.

John Oliver affronta l'importanza dei capelli neri la scorsa settimana stasera e fa un lavoro sorprendentemente dignitoso

John Oliver affronta l'importanza dei capelli neri la scorsa settimana stasera e fa un lavoro sorprendentemente dignitoso

Che si tratti di un dibattito su "capelli buoni" contro "capelli cattivi" o se le trecce sono o meno un'acconciatura di compleanno appropriata (sì, è successo), i capelli neri non smettono mai di essere un argomento di conversazione estremamente popolare. membri della comunità melanosa, nell'episodio di domenica sera di Last Week Tonight With John Oliver, l'ospite titolare ha deciso di affrontare la complessa storia e le lotte presenti in relazione ai capelli neri dal vivo nel suo spettacolo e devo dire che lo ha fatto un dannato buon lavoro.

MORE COOL STUFF

Anthony Mackie ripensa al suo indimenticabile episodio di 'Black Mirror', parla di omofobia nera e amicizie maschili - 'Deve esserci quella conversazione affinché le persone possano andare avanti'

Anthony Mackie ripensa al suo indimenticabile episodio di 'Black Mirror', parla di omofobia nera e amicizie maschili - 'Deve esserci quella conversazione affinché le persone possano andare avanti'

Anthony Mackie ripensa alla sua apparizione in "Black Mirror", parla delle complessità della sessualità e delle amicizie maschili di colore.

Mike Tyson voleva vendetta dopo aver scoperto che sua madre era morta - "Non abbiamo mai avuto nulla, quindi la mia vendetta è stata avere tutto"

Mike Tyson voleva vendetta dopo aver scoperto che sua madre era morta - "Non abbiamo mai avuto nulla, quindi la mia vendetta è stata avere tutto"

Mike Tyson ha perso sua madre quando aveva solo 16 anni e ricorda di voler vendicarsi dopo averlo scoperto.

Michael B. Jordan non ha usato una controfigura per nessuna delle sue folli acrobazie nel nuovo film "Senza rimorso"

Michael B. Jordan non ha usato una controfigura per nessuna delle sue folli acrobazie nel nuovo film "Senza rimorso"

Michael B. Jordan ha ottenuto il suo primo ruolo da protagonista in un film d'azione con "Without Remorse", e ha persino deciso di fare le sue acrobazie.

'Una mamma per amica': Amy Sherman-Palladino è rimasta delusa solo in una trama della settima stagione

'Una mamma per amica': Amy Sherman-Palladino è rimasta delusa solo in una trama della settima stagione

Kieko Agena, l'attore che ha interpretato Lane Kim, è rimasta delusa dalla sua trama finale. Apparentemente, la star di "Una mamma per amica" non era l'unica.

COVID-19 o no, molte città portuali vogliono vietare le navi da crociera

COVID-19 o no, molte città portuali vogliono vietare le navi da crociera

Le città di tutto il mondo stanno vietando o limitando il traffico delle navi da crociera, mentre i critici contestano la conseguente perdita di entrate. Perché le città vogliono che se ne vadano e c'è un modo per rendere tutti felici?

La carenza nazionale di cloro potrebbe rovinare l'estate degli Stati Uniti

La carenza nazionale di cloro potrebbe rovinare l'estate degli Stati Uniti

Una tempesta perfetta di circostanze combinate per creare quello che un esperto del settore della piscina chiama "poolmageddon". Perché? Perché in questo momento negli Stati Uniti c'è una grave carenza di cloro. Come influenzerà la stagione della piscina?

Le emissioni di metano devono essere dimezzate entro il 2030, avverte il rapporto delle Nazioni Unite

Le emissioni di metano devono essere dimezzate entro il 2030, avverte il rapporto delle Nazioni Unite

Le emissioni di metano sono alle stelle da anni. Un rapporto appena pubblicato dalle Nazioni Unite afferma che questa è una brutta notizia ed è fondamentale che le emissioni complessive di metano vengano ridotte per rallentare il cambiamento climatico.

Biden vuole $ 80 miliardi per il servizio ferroviario, ma ne vale la pena?

Biden vuole $ 80 miliardi per il servizio ferroviario, ma ne vale la pena?

Il presidente Joe Biden ha stanziato 80 miliardi di dollari del suo piano infrastrutturale per il sistema ferroviario degli Stati Uniti, vale a dire Amtrak. Ma l'ostacolo più grande è far salire a bordo il Congresso e i passeggeri.

Jennifer Lopez trascorre la festa della mamma con i suoi gemelli Max ed Emme: "Essere una mamma è la mia gioia più grande"

Jennifer Lopez trascorre la festa della mamma con i suoi gemelli Max ed Emme: "Essere una mamma è la mia gioia più grande"

Jennifer Lopez condivide due gemelli di 13 anni, la figlia Emme e il figlio Max, con l'ex marito Marc Anthony

Amanda Kloots ricorda Nick Cordero il primo giorno della madre dalla sua morte

Amanda Kloots ricorda Nick Cordero il primo giorno della madre dalla sua morte

La vacanza arriva 10 mesi dopo la morte di Nick Cordero per complicazioni COVID-19

Nikki e Brie Bella festeggiano la prima festa della mamma con i loro figli Matteo e Buddy

Nikki e Brie Bella festeggiano la prima festa della mamma con i loro figli Matteo e Buddy

La scorsa estate, Nikki Bella ha accolto il figlio Matteo Artemovich e Brie Bella ha dato il benvenuto al suo secondo bambino, Buddy Dessert

Ryan Hurd celebra Maren Morris per la festa della mamma: "Hayes è fortunata ad avere una mamma così straordinaria"

Ryan Hurd celebra Maren Morris per la festa della mamma: "Hayes è fortunata ad avere una mamma così straordinaria"

Maren Morris ha accolto il figlio Hayes Andrew con il marito Ryan Hurd nel marzo 2020

Semplificare il flusso di lavoro di apprendimento per rinforzo in MATLAB

Risolvere l'ambiente OpenAI in MATLAB

Semplificare il flusso di lavoro di apprendimento per rinforzo in MATLAB

Immagina di essere interessato a risolvere un certo problema utilizzando l'apprendimento per rinforzo. Hai codificato nel tuo ambiente e compili una lunga lista di algoritmi di Reinforcement Learning (RL) da provare.

Il veleno del lavoro

Tendiamo a riempire la nostra agenda oltre ciò che è sano e ragionevole

Il veleno del lavoro

Nel mondo frenetico ed esigente di oggi, essere impegnati è diventato uno stile di vita sempre più popolare. La vita quotidiana divide la nostra attenzione in dozzine di sfere diverse.

Vuoi essere più empatico?

Prima devi essere meno empatico.

Vuoi essere più empatico?

Immaginare questo. Una vecchia casa rustica.

Bias, varianza e compromesso

Bias, varianza e compromesso

Cos'è il bias? Il bias è la tendenza dell'algoritmo ad apprendere costantemente il pattern sbagliato non tenendo conto di tutte le informazioni nei dati (underfitting). Per riassumere, Bias è la tendenza ad apprendere il pattern sbagliato ◦ Modelli a bassa polarizzazione: fa meno ipotesi sulla forma della relazione tra xey - Suggerisce meno ipotesi sulla forma della funzione target.

Language