Charles Johnson

Spostare l'All-Star Game fuori dalla Georgia è una mossa sorprendentemente giusta per MLB

Spostare l'All-Star Game fuori dalla Georgia è una mossa sorprendentemente giusta per MLB

La MLB sta trasferendo l'All-Star Game dalla Georgia Major League Baseball in genere non è un'organizzazione che potresti considerare progressista, ma Rob Manfred ha fatto una grande mossa venerdì, eliminando l'All-Star Game di quest'anno (qualcosa che Rob Parker ha chiesto Deadspin lunedì) e una bozza da Atlanta per protestare contro le nuove restrizioni ai diritti di voto dello stato della Georgia.Una parte del motivo per cui è una sorpresa per la MLB intraprendere un'azione così rapida è che molti proprietari di squadre di baseball, guidati da Charles Johnson dei Giants, hanno sostenuto alcuni dei politici più legati alla limitazione dei diritti di voto, perché è così che i repubblicani hanno deciso che possono vincere le elezioni al meglio, piuttosto che elaborare politiche che abbiano effettivamente un ampio appeal.

Salta in Royals, torniamo a Zamunda per gli eventi virtuali di questa settimana

Salta in Royals, torniamo a Zamunda per gli eventi virtuali di questa settimana

Buon Mese della Storia Nera! (o Mese della storia delle donne, come è anche noto.) Siamo tornati con un'altra edizione di eventi virtuali, questa volta che abbraccia vari generi di arte, imprenditorialità e intrattenimento.

Ecco come si sono comportati ieri i candidati GOP di Charles Johnson

Ecco come si sono comportati ieri i candidati GOP di Charles Johnson

La candidata al Senato Georgis Kelly Loeffler è stata solo una delle campagne del GOP per ricevere donazioni dal proprietario dei San Francisco Giants Charles Johnson. A settembre, un'analisi Deadspin delle donazioni politiche di Charles Johnson ha mostrato che il proprietario dei San Francisco Giants aveva dato $ 1.

Ecco tutti i candidati GOP a cui il proprietario dei Giants Charles Johnson ha donato

Ecco tutti i candidati GOP a cui il proprietario dei Giants Charles Johnson ha donato

Il senatore dell'Iowa Jodi Ernst è solo uno dei candidati conservatori a cui il proprietario dei Giants Charles Johnson ha donato. Il proprietario dei San Francisco Giants, Charles Johnson, è un miliardario con molto tempo a disposizione e lo spende, insieme ai suoi soldi, sostenendo il Partito Repubblicano.

Quelli rimasti indietro: Charles Johnson vuole sostenere le famiglie che vacillano dopo che le donne di colore muoiono di parto

Quelli rimasti indietro: Charles Johnson vuole sostenere le famiglie che vacillano dopo che le donne di colore muoiono di parto

Poiché Kira Johnson è stata così straordinaria (parlava cinque lingue, paracadutismo, corse in auto), è stata il volto di ciò che molti stanno arrivando a vedere come una crisi nella salute materna nera. anni - che i tassi di morte delle donne nere durante o fino a un anno dopo il parto è alla pari con le cosiddette nazioni del terzo mondo.

The Resident collabora con l'attivista di Fox per far luce sulla crisi della mortalità materna in America

The Resident collabora con l'attivista di Fox per far luce sulla crisi della mortalità materna in America

Manish Dayal come Devon Pravesh, Vinessa Atoine come Lea Jordan-Davies, Kamal Angelo Bolden come Wade Davies nell'episodio del 15 aprile di 'The Resident' su Fox. “Lea Davies non era una priorità.

Il comproprietario di SF Giants rifiuta l'annuncio del Congresso razzista con donne nere

Il comproprietario di SF Giants rifiuta l'annuncio del Congresso razzista con donne nere

Il co-proprietario dei San Francisco Giants, Charles Johnson, sta ora cercando di spiegare ai bianchi il suo sostegno a un super-PAC che ha pubblicato un annuncio radiofonico terribilmente offensivo durante una corsa al Congresso in Arkansas.

Centinaia di persone partecipano alla festa della bambina dopo che i compagni di classe hanno rifiutato l'invito

Centinaia di persone partecipano alla festa della bambina dopo che i compagni di classe hanno rifiutato l'invito

I residenti di una città del Minnesota si sono riuniti per contribuire a rendere indimenticabile il compleanno di una bambina quando nessuno si è presentato alla sua festa. Dopo aver ricevuto "no" da ogni singola compagna di classe invitata alla festa per il decimo compleanno di sua figlia, una donna di nome Jenny Moretter si è rivolta a Facebook per esprimere le sue lamentele, con il risultato che 300 persone si sono presentate per la celebrazione della bambina.

Language