Il supervisore musicale degli americani sulla costruzione della tensione con la musica degli anni '80 della Guerra Fredda

In Cue & A , i supervisori musicali ci guidano attraverso le raccolte di dischi dei nostri programmi televisivi preferiti.

The Americans è diventato uno dei drammi più belli della televisione in quanto segue le vite sempre più complicate di Philip ed Elizabeth Jennings (Matthew Rhys e Keri Russell), una coppia di agenti dormienti del KGB che si spacciano per gentili agenti di viaggio americani al culmine del la guerra fredda. PJ Bloom ha gestito le licenze per la musica pop dello show da quando si è unito al team nell'episodio sei, lavorando a stretto contatto con gli showrunner Joe Weisberg e Joel Fields per scegliere la musica che dia credibilità e tensione alla rappresentazione dello show dello spionaggio degli anni '80. Questa intervista copre la musica dalla prima alla terza stagione e discute in dettaglio i principali punti della trama.

The AV Club: Com'è il tuo rapporto di lavoro con Joe e Joel?

PJ Bloom: La cosa su The Americans e ciò che Joe e Joel sono riusciti a creare è che è questa incredibile capsula del tempo. Tutti gli aspetti dello spettacolo sono così completamente radicati nel nostro periodo dei primi anni '80. È nella musica e nei set. È nell'armadio e negli oggetti di scena. Potresti davvero guardare uno spettacolo televisivo nel 1982 o 1983, o camminare per strada in quel periodo, e vedere e sperimentare la stessa cosa che sta vivendo il nostro pubblico. Quindi Joe e Joel sono incredibilmente meticolosi nell'assicurarsi che il nostro pezzo d'epoca, la nostra capsula del tempo, mantenga davvero l'illusione di essere in quel momento e in quel luogo.

Con la musica, prima di tutto, cerchiamo di usare canzoni che abbiano un certo tono emotivo, funzionino bene con la trama o abbiano una certa componente lirica. Ci assicuriamo che le canzoni siano successi maggiori o minori di quel periodo, anche se utilizzeremo anche tracce più profonde di artisti noti o anche di artisti meno noti. Ma Joe e Joel sono più interessati a renderlo giusto per il periodo e ad assicurarsi che il materiale che stiamo usando venga riprodotto in quel contesto. Se abbiamo uno dei nostri personaggi che ascolta la radio o un disco, deve esserci un modo legittimo in cui un personaggio in quel periodo di tempo - ora con la quarta stagione, stiamo entrando nel 1983 - potrebbe averlo sentito alla radio o ascoltando quel disco.

C'è sicuramente un filtro artistico che esiste per mantenere quella sensazione di capsula del tempo, e Joe e Joel sono fantastici con la musica. Sono produttori molto collaborativi e parliamo costantemente di idee diverse. Il mio modo di lavorare è cercare di presentare più idee che producono toni emotivi diversi o che interpretano la trama in modo molto diverso. Joe e Joel sono molto disponibili nelle loro risposte e sono pronti a esplorare e sperimentare. In definitiva, la nostra colonna sonora ha lo scopo di aiutare a creare quella capsula del tempo.

AVC: Joe o Joel generano le idee musicali individualmente o prendono queste decisioni insieme?

PB: È tutto un lavoro di squadra. Sono loro, gli scrittori, gli altri produttori dello show e gli editor di immagini che hanno idee potenziali. È una cultura creativa molto collaborativa. La musica è qualcosa che tutti abbiamo in comune e molti di noi sono abbastanza grandi da aver vissuto in quel periodo e avere diverse esperienze associate a quel periodo. Quindi portiamo tutti qualcosa in tavola. Se le idee non provengono da Joe, Joel e me, incorporeremo le idee di altre persone. Ovviamente Joe e Joel sono i capitani della nave e ancorano il processo creativo, ma tutti sono incoraggiati a contribuire con le proprie idee.

AVC: The Americans è ambientato in un interessante periodo musicale dopo la disco, ma prima dell'hair metal e del synthpop, i generi che la gente più associa agli anni '80. Man mano che lo spettacolo avanza nel tempo, ci sono artisti o generi che considereresti inappropriati dal punto di vista tonale per lo spettacolo come regola di riferimento?

PB:Non credo che nulla sia vietato. Il modo in cui ci avviciniamo alle canzoni è che se non è un momento di montaggio in primo piano, in cui stiamo cercando di suscitare un tono, molte delle cose sono guidate dal personaggio. Non credo che ci sia un genere che non esploreremmo se ci fosse un personaggio a supportarlo. Entrando nel periodo di tempo in cui ci troviamo ora con la quarta stagione, sta iniziando a diventare molto più divertente perché stiamo entrando in un periodo new wave e pop più definito in cui ci sono successi più riconoscibili che la gente ricorda. Hai ragione sul fatto che lo spettacolo sia ambientato in un periodo molto strano per la musica. Abbiamo iniziato nel 1981, che è post-disco e pre-new wave, quindi sei in questo strano posto tradizionale con musica e suoni. Il 1981 non è proprio un periodo così definito dalla musica. Quando dici 1981 o 1982 alle persone,non escono immediatamente con un genere che associano ad esso. Ma come supervisori musicali, ci piace questa sfida. È stata una sfida definire canzoni di successo, tagli più profondi che funzionassero e una sorta di tono identificabile e una linea musicale che funzionasse.

AVC: Per quanto riguarda la musica che è guidata dal personaggio, Elizabeth è interessata alla musica o è più la cosa di Philip come parte della sua più ampia accettazione della cultura americana? Philip ha fatto dei riferimenti musicali ed è stato visto ascoltare della musica, ma quali sono i gusti musicali di Elizabeth, se ne ha?

PB: Penso che Philip sia più la persona che fa musica. Elizabeth sta decisamente seguendo la linea rossa del partito. Philip è più il simpatizzante e quello che si relaziona di più alla cultura americana. Penso che Elizabeth sia un camaleonte migliore, quindi è in grado di trasformarsi nella persona di cui ha bisogno per essere dipendente dalla sua compagnia, e questo informa i suoi gusti musicali in quei momenti. Ma non abbiamo davvero parlato di cosa potrebbe piacerle musicalmente. Philip è il fan della musica dei due, essendo qualcuno che è più americano e qualcuno a cui piace davvero la libertà qui.

La canzone: Pablo Cruise, "What You Gonna Do (When She Says Goodbye)"
La scena: Pablo Cruise fa la sua seconda apparizione nella prima stagione, suonando in sottofondo durante un barbecue organizzato dal vicino di casa dei Jenning, l'agente dell'FBI Stan Beeman ( Noah Emmerich) e la sua famiglia.

PB: La mia impressione della famiglia Beeman, a parte quello che fa per lavoro come agente dell'FBI, penso ai Beeman, almeno nella prima stagione, come a questa famiglia della classe media piuttosto semplice, con lo stampino. Non sono eccitanti o artistici. Quindi, quando penso a loro, penso a—e senza mancare di rispetto a Pablo Cruise—ma ad alcune delle band e degli artisti più blandi, forse usciti dalla musica d'oro della prima metà degli anni '70. Una band come Pablo Cruise, che ha chiaramente una storia di musica incredibile, parla davvero alla famiglia Beeman. È una canzone meravigliosa, ma non ha molta anima o molta spavalderia. Si trova in una tasca molto bianca, borghese, da funzionario pubblico, quindi è perfetto per la famiglia Beeman.

La canzone: Roberta Flack, "To Love Somebody"
La scena: Gregory (Derek Luke), un attivista per i diritti civili che è sia una risorsa che un amante per Elizabeth, provoca una sparatoria con la polizia piuttosto che trasferirsi a Mosca dopo che l'FBI scopre il suo collegamento con il KGB.

PB:Quella era una situazione in cui volevamo esplorare qualcosa che andasse contro l'azione. Qui abbiamo questa grande sparatoria, questo montaggio al rallentatore. È un grande momento con un'incredibile quantità di tensione e violenza e un momento cruciale della storia per uno dei personaggi, e l'inserimento di una ballata cadenzata evoca una risposta emotiva completamente diversa da quella che normalmente vedresti in quel tipo di scena. Aveva molto senso, quindi penso che tutti volessero andare in quella direzione fin dall'inizio. I J hanno molta fiducia nello show e nel loro approccio alla narrazione, quindi non andare nella direzione ovvia è qualcosa di cui si sentono bene. Non è un dispositivo che usiamo spesso nello show, ma in questo caso ha funzionato incredibilmente bene ed è stato un momento di successo basato sulla risposta del pubblico. È qualcosa di cui eravamo tutti molto orgogliosi.

AVC: Hai lanciato altre canzoni contro l'immagine per vedere se si attaccava?

PB: Suoniamo sempre con altre cose. Non so se c'è qualcosa che vale la pena menzionare però. Cerco di non parlare di troppi scenari "what if". La musica in generale è una forma d'arte abbastanza soggettiva, così come il cinema e la produzione televisiva, quindi non c'è mai un modo giusto per fare qualcosa. Troviamo qualcosa di buono abbastanza presto, quindi proviamo a batterlo. A volte lo battiamo, altre volte la prima idea è la migliore, ma quello che vedi sullo schermo è sempre quello che pensavamo fosse l'opzione migliore. Joe e Joel in particolare hanno adorato quel momento.

AVC: Quante volte ti capita di atterrare su una canzone che ritieni sia così giusta che nessun'altra canzone funzionerebbe per la scena?

PB: Non credo che Joe e Joel siano quel tipo di registi. Apprezzano la soggettività della forma d'arte e sono i produttori di tipo che apprezzano l'idea di sperimentazione. Nel modo in cui raccontano le loro storie, almeno per quanto riguarda la musica, hanno abbastanza esperienza per apprezzare che canzoni diverse possono fare cose diverse. Hanno una comprensione sufficiente di quella soggettività da essere disposti a sperimentare. Sanno cosa gli piace quando lo sentono, ma che sia prima di girarlo o in sala di montaggio, non sono il tipo di produttori che arrivano con il cuore concentrato su qualcosa pensando che nient'altro potrebbe funzionare. Ci sono artisti e canzoni che gli piacciono molto, quindi abbiamo un elenco di quelli e proveremo quei posti diversi per vedere se funzionano. Ma non cercano di inserire pioli quadrati in fori rotondi.

La canzone: Peter Gabriel, "Here Comes The Flood"
La scena: In un montaggio finale, Elizabeth rompe la sua promessa a un altro agente dormiente che viene assassinato, scegliendo di distruggere le prove dei suoi legami con il KGB piuttosto che dire al figlio dell'agente del suo vera identità della madre.

PB: Peter Gabriel è uno di quegli artisti che Joe e Joel adorano ed è perfetto per lo spettacolo. Si allinea bene con il nostro periodo di tempo, il periodo post-Genesi. Le cose eccessivamente progressive dei Genesis non funzionano davvero per lo show, ed è difficile farlo funzionare per qualsiasi cosa. Ma stiamo entrando nella carriera solista di Peter Gabriel all'inizio dello show, e tutti quelli che lavorano nello show sono grandi, grandi fan. È uno degli artisti che guardiamo costantemente. "Here Comes The Flood" era uno con cui avevamo suonato in diversi punti prima di trovarci una casa. È una delle sue più grandi canzoni. Ha un incredibile senso di drammaticità e si adatta perfettamente allo spettacolo. Abbiamo avuto molto successo con "Games Without Frontiers",che ha chiuso la prima stagione. Tanto che Peter ha scritto una lettera a Joe e Joel per dire che guarda lo spettacolo e gli è piaciuto molto. Non concede molte licenze, prende molto sul serio quelle richieste e le approva personalmente. Non è la cosa più facile coinvolgerlo, ma ha detto di sì, e ha finito per scrivere a Joe e Joel per esprimere il suo apprezzamento per come l'abbiamo usato. È uno di quegli artisti che guardiamo costantemente ora perché sappiamo che è un fan dello spettacolo e ha così tanta ottima musica tra cui scegliere.

La canzone: Radio Orchestra Berlin, “Eine Kleine Nachtmusik”
La scena: Elizabeth finge di essere interessata alla musica classica per farsi amare da Brad (Jefferson White), un ufficiale di marina da cui ha bisogno di estrarre informazioni.

AVC: C'è una così vasta gamma di pezzi classici tra cui scegliere, e questo deve adattarsi a un personaggio che era nuovo nello show. Come hai fatto a sceglierlo?

PB:Abbiamo avuto molte idee diverse per questo con Joe e Joel, e Steven Schill è stato il regista di questo episodio ed è uno dei produttori. Il marchio, Brad, a cui sta lavorando Elizabeth, è un classicista molto severo. Quindi volevamo scegliere qualcosa che fosse fuori dai sentieri battuti. Non poteva essere qualcosa per l'ascoltatore casuale di musica classica, doveva essere qualcosa che interessasse un audiofilo classico professionista. Ma quando abbiamo provato un po' di quel materiale più oscuro, tutti sono stati d'accordo sul fatto che non avesse abbastanza familiarità per il nostro pubblico. Inoltre, quando inizi ad entrare in alcune di quelle cose più oscure, inizia a diventare un po' più distratto. In questo caso, specialmente con la musica riprodotta come sorgente nel negozio di dischi,non volevamo togliere a Elizabeth il tentativo di guadagnare la fiducia del marchio con qualcosa di troppo distratto. Quindi abbiamo provato molte cose diverse, è stato un processo che è durato diverse settimane. Ma siamo arrivati ​​a questo perché era un felice compromesso. È un pezzo di cui Brad potrebbe essere molto descrittivo mentre cerca di impressionare questa bellissima donna, e qualcosa che apprezzerebbe, ma non distrae.

La canzone: Pete Townshend e Nathan Barr, "It Must Be Done"
La scena: la risorsa di Philip Annelise (Gillian Alexy) va a letto con un ufficiale dell'intelligence pakistana per ottenere informazioni mentre Elizabeth assassina il suo comandante.

AVC: In che modo Pete Townshend è stato coinvolto nello show?

PB: Questa è una grande storia. C'era una conversazione in corso tra me, Joe, Joel e gli altri produttori sul desiderio di avere dei grandi eventi musicali. Ogni spettacolo è alla ricerca di quei grandi momenti, che si tratti di qualcosa che utilizza una registrazione preesistente come con il nostro montaggio di Roberta Flack, o qualcosa di nuovo creato da un artista che era rilevante in quel periodo. L'evento di cui stavamo parlando in quell'episodio era l'abbinamento del nostro compositore Nate con un artista prolifico e iconico che avrebbe co-sceneggiato l'episodio. L'idea di una canzone non era il piano originale, stavamo cercando di creare un'avventura di co-sceneggiatura tra Nate e qualcun altro. Sono vicino al campo di Pete Townshend, quindi ho fatto un tentativo e li ho chiamati per vedere se fosse interessato a farlo.

Si scopre che era molto interessato perché era stato un fan di Nate da quando segnava True Blood, e sapeva del nostro spettacolo. Il tempismo era perfetto perché Pete era in studio in quel momento a lavorare su nuovo materiale, ed era pronto a provare a vedere se potevamo far funzionare qualcosa. Così Pete e Nate si sono messi al telefono e hanno iniziato a parlare di idee, e Nate gli ha dato alcune idee per schizzi di spartiti che doveva vedere se Pete ne sarebbe stato ispirato. Ad un certo punto del processo, Pete era andato via per diversi giorni con gli schizzi della colonna sonora ed è tornato e ha detto: "Sai, sono stato davvero ispirato, quindi ho deciso di scrivere una canzone e alcuni testi per lo spettacolo". Fu a dir poco miracoloso. Non solo avevamo questa canzone originale di Pete Townshend che è stata scritta appositamente per lo spettacolo, era davvero buona e funzionava perfettamente per ciò di cui avevamo bisogno. È stato uno di quei momenti fulminei.

La canzone: Golden Earring, "Twilight Zone"
La scena: Philip ed Elizabeth si precipitano a recuperare una goccia da un bene morente mentre la loro figlia Paige (Holly Taylor) partecipa a una protesta, che mette Philip ed Elizabeth in disaccordo sull'opportunità o meno dì a Paige la verità e arruolala nella loro missione.

AVC: In genere stai cercando una sinergia tra i temi dei testi come con "Games Without Frontiers?" E c'è qualcosa come "troppo sul naso"?

PB:Penso che ci sia qualcosa da dire per "troppo sul naso", ma dipende dal progetto su cui stai lavorando e dal tono. Ci sono molti spettacoli su cui lavoro in cui i registi vogliono essere precisi, quindi è quello che cerco. Non credo che sia questo l'obiettivo di Joe e Joel, e vogliono prima di tutto cose che abbiano un senso per la storia. Ma questo non deve necessariamente significare i testi, o il tono della musica, o il timbro. Sono solo molto bravi a sapere esattamente cosa vogliono quando lo vedono. Amano l'elemento sorpresa. Sono entrambi veri fan della musica e vogliono essere eccitati dalla musica che stiamo usando, quindi non vengono intrappolati o preoccupati per le critiche su qualcosa che è banale o sul naso. Vogliono qualcosa che funzioni per loro, e se ne sono entusiasti, è probabile che lo farà anche il pubblico.

"Twilight Zone" è stato uno di quei casi in cui abbiamo lanciato molte canzoni diverse ed è quella che ha funzionato. L'avevamo fatto girare e girare. Voglio essere in grado di dirti che c'è un'arte o una scienza specifica dietro, ma ci stiamo solo assicurando che i produttori siano felici ed entusiasti. È uno dei momenti in cui probabilmente abbiamo guardato 20 o 30 canzoni prima di arrivare a "Twilight Zone". I Golden Earring sono una di quelle band che erano più grandi fuori dall'America, e in questo paese hanno avuto solo un paio di canzoni, "Twilight Zone" è una di queste. Quando pensi ai testi e al tono generale di quella musica, aveva molto senso per un thriller di spionaggio come The Americans. Questa particolare sequenza però non era una scienza esatta, abbiamo affrontato un sacco di cose, ma quando l'abbiamo colpita lo sapevamo.

Le canzoni: Yaz, "Only You" e "Don't Go"
Le scene: Philip compra a Paige il nuovo album di Yaz per il suo compleanno dopo essere stato trasformato nella band dalla figlia minorenne di un agente della CIA, un bene potenzialmente prezioso, ma un Filippo non riesce a sedurre.

AVC: Queste canzoni sono effettivamente menzionate nella sceneggiatura, sono nate lì o Joe e Joel sono venuti da te per avere idee su quale musica inserire nella sceneggiatura?

PB: È arrivato molto presto. Credo che sia stato lo scrittore della sceneggiatura [Peter Ackerman] che originariamente ha avuto l'idea di usare Yaz. Definire Paige è sempre stato un compito interessante per noi perché vogliamo renderla bella ma non troppo. Ha anche la sua componente di fede, quindi abbiamo esplorato la musica della chiesa non confessionale che frequenta, che è una musica acustica molto blanda, basata sulla fede che non fa nulla di troppo sovversivo. Nella nostra incessante ricerca per definire Paige e il suo gusto musicale, lo scrittore voleva davvero che le cose di Yaz accadessero. Quindi questa era un'idea che ci è venuta prima di girare un fotogramma dell'episodio.

La canzone: Fleetwood Mac, "The Chain"
La scena: Philip ed Elizabeth rapiscono frettolosamente un ufficiale dell'intelligence sudafricano in una sequenza tesa ed elettrizzante sulle note di Fleetwood Mac, la cui "Tusk" apre in modo memorabile il pilot.

AVC: Cosa ti ha fatto decidere di immergerti di nuovo nel Fleetwood Mac?

PB:"Tusk" è stato un elemento di grande successo dello spettacolo. Il modo in cui si è integrato nel pilot, in cui Nathan ha compensato le percussioni esistenti con il suo materiale musicale, che allunga e aumenta la canzone, è uno di quei momenti enormi per noi e ha definito lo spettacolo in futuro. Abbiamo esplorato altre canzoni dei Fleetwood Mac e ne abbiamo provate molte in luoghi diversi, ma non abbiamo mai trovato la casa giusta per loro. Sono in quella breve lista di band di cui Joe e Joel sono grandi fan, quindi sono costantemente presi in considerazione per i vari episodi. Allo stesso tempo, essendo una delle band più iconiche di tutti i tempi e una band che è molto preziosa su come viene utilizzata la musica, vogliamo che sia un momento davvero speciale quando usiamo una delle loro canzoni. Questa scena contiene un'incredibile quantità di tensione,e "The Chain" è una di quelle canzoni in cui canta l'intera band, quindi è simile a "Tusk". È una di quelle canzoni che aggiunge davvero tensione e migliora gli elementi thriller dello spettacolo. Ma quello era un altro che non era nella sceneggiatura, quindi abbiamo finito per giocarci molto prima di arrivarci.

Suggested posts

Tutta la torta, nessun riempitivo: una scorciatoia in 5 passaggi attraverso Twin Peaks

Tutta la torta, nessun riempitivo: una scorciatoia in 5 passaggi attraverso Twin Peaks

Grafica: Allison Corr (Foto: ABC Photo Archives / ABC / Getty Images) In 5 To Watch, sceneggiatori di The AV

Archer si dirige a Danger Island per affrontare "sabbie mobili, cannibali e scimmie super intelligenti"

Archer si dirige a Danger Island per affrontare "sabbie mobili, cannibali e scimmie super intelligenti"

Immagine: FX La "Danger Zone" sta per diventare molto più tropicale. FX ha rivelato al Comic-Con di San Diego che la nona stagione di Archer sarà sottotitolata Danger Island, che si svolgerà su una spiaggia remota nel Sud Pacifico nel 1939, dove Sterling sarà un pilota di idrovolante con la benda sull'occhio.

Related posts

Fai finta di leggere più del primo Dune con questo riassunto della cronologia di 34.000 anni

Fai finta di leggere più del primo Dune con questo riassunto della cronologia di 34.000 anni

Dio Imperatore di Dune? Oh sì, completamente finito. Abbiamo aspettato quasi cinque anni per l'ambizioso adattamento di Denis Villeneuve dell'amato classico di fantascienza di Frank Herbert, Dune (beh, almeno la prima parte), e il mondo è un posto molto diverso da quelle felici elezioni pre-2016 giorni di un tempo.

Comedy Central cancella The Gorburger Show di TJ Miller

Comedy Central cancella The Gorburger Show di TJ Miller

(Immagine: Comedy Central) Secondo The Hollywood Reporter, Comedy Central ha deciso di cancellare The Gorburger Show, un talk show satirico con TJ

La donna perde il lavoro per aver lanciato il corteo di Trump, non ha ancora rimpianti

La donna perde il lavoro per aver lanciato il corteo di Trump, non ha ancora rimpianti

Questa è stata una delle tante volte in cui Juli Briskman ha dato di matto al corteo. (Foto: Brendan Smialowski/AFP/Getty Images) Una donna della Virginia che si è lanciata fuori dal corteo di Trump durante il fine settimana di Halloween è diventata un eroe popolare per molti per quell'atto riflessivo di protesta (e su una bicicletta, nientemeno).

Bill Murray rivela come Hunter S. Thompson e la musica folk lo hanno aiutato a riprendersi il suo umorismo

Bill Murray rivela come Hunter S. Thompson e la musica folk lo hanno aiutato a riprendersi il suo umorismo

Tendiamo a vedere Bill Murray come una sorta di eroe culturale fuori misura in questi giorni, che fornisce speciali televisivi con canzoni semi-ironico, film con un misto di umorismo e tristezza impassibile, e persone ovunque con aneddoti a cui tutti credono che nessuno crederà davvero. Ma anche gli eroi della commedia ottengono il blues, come Murray ci ha ricordato oggi con un video post su come il suo vecchio amico Hunter S.

MORE COOL STUFF

"Ballando con le stelle": Mel C "sventrato" per la scioccante eliminazione del grasso notturno

"Ballando con le stelle": Mel C "sventrato" per la scioccante eliminazione del grasso notturno

La celebrità di "Ballando con le stelle" Mel C è stata "sventrata" per la sua scioccante eliminazione di "Grease" Night dopo essersi ritrovata tra le ultime due.

Randall Emmett tradisce? Lala di "Vanderpump Rules" ha detto che non si preoccupava di lui "strisciante intorno"

Randall Emmett tradisce? Lala di "Vanderpump Rules" ha detto che non si preoccupava di lui "strisciante intorno"

Lala Kent di "Vanderpump Rules" in precedenza ha detto che non poteva vedere Randall Emmett tradirla. Ha anche detto che era il suo migliore amico.

In che modo Colin Powell ha incontrato sua moglie, Alma Powell?

In che modo Colin Powell ha incontrato sua moglie, Alma Powell?

Colin Powell e sua moglie Alma Powell sono stati sposati per quasi sei decenni. Il matrimonio della coppia è davvero durato nel tempo.

Quali sono alcune delle bandiere rosse delle relazioni di Olivia Munn?

Quali sono alcune delle bandiere rosse delle relazioni di Olivia Munn?

L'attrice Olivia Munn ha rivelato alcune bandiere rosse sugli appuntamenti, oltre a una cosa che pensa possa essere una bandiera rossa tutta sua.

La prima TAC è stata 50 anni fa, cambiando la medicina per sempre

La prima TAC è stata 50 anni fa, cambiando la medicina per sempre

La prima TAC ha permesso ai medici di vedere all'interno del cranio di una donna e confermare la sua massa cerebrale cistica. Quello scanner? È stato sviluppato da un eccentrico ingegnere che ha lavorato presso la casa discografica dei Beatles.

Come cambiare il tuo nome su Facebook

Come cambiare il tuo nome su Facebook

Vuoi cambiare il tuo nome su Facebook? È facile da fare in pochi semplici passaggi.

7.000 passi sono i nuovi 10.000 passi

7.000 passi sono i nuovi 10.000 passi

Se non riesci sempre a raggiungere l'obiettivo giornaliero arbitrario di 10.000 passi, abbiamo buone notizie. Anche la tua salute può trarne beneficio se fai meno passi.

Perché non puoi pompare il tuo gas nel New Jersey?

Perché non puoi pompare il tuo gas nel New Jersey?

Il Garden State è l'unico stato negli Stati Uniti in cui è illegale pompare il proprio gas. Cosa dà?

Shameless: Emma Kenney afferma che il set è diventato un "posto più positivo" dopo l'uscita di Emmy Rossum

Shameless: Emma Kenney afferma che il set è diventato un "posto più positivo" dopo l'uscita di Emmy Rossum

L'ex spudorata Emma Kenney ha parlato della sua esperienza di lavoro con Emmy Rossum nella serie Showtime.

Hamilton Star Javier Muñoz sull'essere immunocompromessi nella pandemia: "Ero letteralmente nel terrore"

Hamilton Star Javier Muñoz sull'essere immunocompromessi nella pandemia: "Ero letteralmente nel terrore"

"Non c'era nessuna possibilità da cogliere", dice a PERSONE Javier Muñoz, sieropositivo e sopravvissuto al cancro.

Rachael Ray dice di essere grata di "essere viva" dopo l'incendio in casa e l'inondazione dell'appartamento

Rachael Ray dice di essere grata di "essere viva" dopo l'incendio in casa e l'inondazione dell'appartamento

"Così tante persone mi hanno scritto e mi hanno contattato dicendo che anche noi abbiamo perso così tanto", ha detto Rachael Ray su Extra.

Freida Pinto incinta condivide le foto del suo "dolce" baby shower: "Mi sento così benedetta e fortunata"

Freida Pinto incinta condivide le foto del suo "dolce" baby shower: "Mi sento così benedetta e fortunata"

Freida Pinto, che aspetta il suo primo figlio dal fidanzato Cory Tran, ha festeggiato il suo piccolo lungo la strada con un baby shower all'aperto.

Avventure nei contenuti e nel commercio: cosa abbiamo imparato durante la creazione di Unboxed.tv e cosa ci aspetta

Avventure nei contenuti e nel commercio: cosa abbiamo imparato durante la creazione di Unboxed.tv e cosa ci aspetta

Il team di Unboxed ha notizie da scartare. A partire da oggi, la squadra si muoverà verso nuove avventure.

Le sorelle serial killer più temute del Messico: le Poquianchis

Quando uccidere e prostituire le donne non era abbastanza, le seppellivano vive.

Le sorelle serial killer più temute del Messico: le Poquianchis

Originarie di Jalisco (uno stato del Messico), le sorelle Carmen, Delfina, María de Jesus e Luisa Gonzales Valenzuela erano il prodotto di una famiglia disfunzionale. La loro madre Bernardina, era una devota cattolica altruista, che seguiva religiosamente le regole della chiesa.

Modelli di base per la navigazione mobile

di Nick Babich

Modelli di base per la navigazione mobile

La navigazione nella tua app dovrebbe essere intuitiva e prevedibile. Sia gli utenti nuovi che quelli di ritorno dovrebbero essere in grado di capire come spostarsi nella tua app con facilità.

Sigaretta bruciata

Sigaretta bruciata

insieme ad alcuni sbuffi. Tra lo spazio delle mie dita, una sigaretta stava bruciando.

Language